Continua l’attività di formazione presso la sede C.R.I. di Via Romita n. 139 a Sperlonga, Unità territoriale del Comitato di Itri.

Dopo la lezione informativa sulle Manovre Salvavita Pediatriche dello scorso 27 maggio, che ha visto la partecipazione di 34 collaboratori e della Dirigente dell’Istituto Comprensivo “Buonarroti” (http://www.cri-itri.it/formazione/lezione-interattiva-manovre-salvavita-pediatriche/), i nostri istruttori coadiuvati da colleghi giunti in supporto dal Comitato di Frosinone hanno tenuto un Corso di formazione Full-D per soccorritori laici, momento didattico ed abilitativo che unisce il BLSd (basic life support defibrillator), il PBLSd (pediatric life support defibrillator), le manovre salvavita (sia pediatriche sia per adulti) ed è destinato a personale non sanitario (c.d. laico).

Svoltosi sabato 11 giugno dalle ore 8 alle 14, ha visto la partecipazione di 9 agenti della Polizia locale di Sperlonga e 3 allenatori di altrettante associazioni sportive dilettantistiche che dal 20 luglio saranno tenute ad avere defibrillatore e personale formato sempre presente per effetto del c.d. “Decreto Balduzzi”.

E’ necessario sottolineare che il corso prevede il conseguimento del titolo abilitativo all’utilizzo del defibrillatore semiautomatico riconosciuto dalla Regione Lazio, secondo le linee guida E.R.C. 2015 (European Resuscitation Council), perché, anche sul nostro territorio, oggigiorno esistono istruttori più o meno seri che, curando tali corsi, anche didatticamente ineccepibili, evitano, talvolta, di precisare l’INIDONEITA’ degli stessi ad autorizzare l’utilizzo dell’apparecchio salvavita, esponendo gli operatori in buona fede a gravi responsabilità penali e civili.

Gli istruttori I.R.C. (Italian Resuscitation Council) ed E.R.C. (European Resuscitation Council) formati in base alle linee guida I.L.C.O.R. (International Liaison Committee on Resuscitation) – medici, infermieri o soccorritori che hanno frequentato i relativi corsi professionali – hanno lo scopo primario di diffondere la cultura e l’organizzazione della rianimazione cardiopolmonare intra ed extra ospedaliera. Sono quindi figure abilmente preparate alle tecniche di soccorso con il defibrillatore ed all’insegnamento sia dei sanitari sia dei laici. Tali istruttori NON sono necessariamente soggetti autorizzati al rilascio del titolo abilitativo l’utilizzo del defibrillatore semiautomatico, in quanto dovranno afferire ad un centro di formazione accreditato presso l’Ares 118 Lazio, ente delegato dalla Regione in base al D.G.R. n. 406/2006 s.m.i.. La Determinazione n. G07868 del 29/05/2014, ha infatti dato mandato all’Azienda Regionale Emergenza Sanitaria 118, di concerto con la Direzione Regionale Salute ed Integrazione Sociosanitaria, di individuare le modalità per la creazione di un elenco regionale di Enti formatori, in cui vengano iscritti i Centri di Formazione individuati utilizzando i criteri di accreditamento, di cui alle note del Ministero della Salute DGPROGS prot. 0013917-P-20/05/2014 e dell’ARES 118 prot. N. 1458/DS/2014.

Tutti i centri di formazione accreditati, le loro sedi, i loro docenti ed i loro responsabili sono inseriti in un apposita sezione consultabile da chiunque del sito internet Ares 118 Lazio (http://www.ares118.it/centri-di-formazione-blsd-pblsd-accreditati.html). Tra questi sono comprese le aziende sanitarie locali e la Croce Rossa Italiana, fra i cui comitati il Regionale del Lazio è nostro riferimento organizzativo.

13450731_555553467957557_8040502384588183099_n 13445538_555553387957565_1936653078523955103_n 13434937_555553254624245_6814872697513069262_n 13432379_555553407957563_3235029328290481192_n 13417566_555553274624243_3034534405786065075_n 13417524_555553354624235_6043553573440394637_n

Corso di formazione Full-D per soccorritori laici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *